Of Fathers and Sons – I bambini del califfato

mar 24 Set 🌍21:15

Of Fathers and Sons – I bambini del califfato

Of Fathers and Sons

  • 99 min.
  • Documentario
  • 2017 (Germania, Siria, Libano, Qatar)

Al-Nusra, braccio siriano di Al-Qaeda. Abu Osama combatte il regime credendo fermamente nella legge della Sharia e vive con la sua famiglia, i cui figli sono avviati verso l’estremismo islamico. Il regista curdo siriano Talal Derki, da alcuni anni in esilio a Berlino, ha passato due anni fingendo di essere un sostenitore della jihad per seguire da vicino le dinamiche di un padre che educa i propri figli alla guerra, riuscendo ad entrare all’interno di un mondo inaccessibile, un orrore a noi quasi sconosciuto e incomprensibile.

Il regista Talal Derki interverrà in collegamento Skype alla proiezione di martedì 24 settembre alle 21.15

  • Regia:Talal Derki
  • Distributore:Zenit Distribution
  • Premi:Vincitore di numerosi premi, è stato candidato all’Oscar® per il Miglior Documentario e vincitore del Grand Jury Prize - World Cinema Documentary Competition al Festival di Sundance
  • ATTENZIONE! Il Cinemino è un cineclub e l’ingresso in sala è riservato ai soci
    ▶ Per accedere alla proiezione è necessario richiedere la tessera compilando il form al seguente link almeno un giorno prima del suo primo utilizzo: www.ilcinemino.it/tessere-2/
    ▶ Anche i soci 2018 devono compilare il form on line, ma senza dover attendere un giorno per l’approvazione www.ilcinemino.it/tessere-2/
    ▶ La tessera costa 3 € (gratuita per i minori) è nominale e non cedibile
    ▶ Il biglietto costa 7,50 euro (intero), 5 euro (ridotto) ed è pre-acquistabile on line a link www.ilcinemino.it/ticket-on-line/ con un sovrapprezzo di 0.50 €
    ▶ Il biglietto per il primo spettacolo del giorno costa sempre 5 euro, per tutti
    ▶ Gli abbonamenti non possono essere usati per l’acquisto on line, quindi consigliamo di venire un po’ prima per usarli, specie in caso di proiezioni ad alto tasso di pubblico
    ▶ I lavori che siamo stati costretti a fare per la riapertura hanno modificato la scala di accesso in sala, non permettendoci più di mantenere l’ascensore. La sala, pertanto, non è al momento accessibile ai disabili 😑