Eleonor è la figlia di Karl Marx, donna impegnata nel sociale, come il padre, ma indubbiamente la sua opera venne coperta dalla figura “mitologica” del padre.
Come vivere e portare avanti il proprio progetto all’ombra di un così ingombrante padre? Come sopravvivere ad un disastro personale con un “non matrimonio” fallimentare?
La regista Susanna Nicchiarelli dopo la conferma di NICO ci porta in un riuscito biopic ambientato nella seconda meta dell’800 e ci fa riflettere, ora come allora, quanto le donne siano ancora schiave dell’uomo.

La vita delle sorelle Macaluso raccontate nell’arco temporale di tre stagioni della vita da Emma Dante, trasposizione, non didascalica ” in pellicola” dell’omonima opera teatrale.

Un film sull’amore, che avvolge le relazioni tra la sorelle ma anche il luogo dell’anima: la casa dove ognuno vestirà sogni, desideri, rancori, amarezze e passioni. Dove il colloquio tra vita e morte è invece cosa viva, presente.

Una grande prova per il cast cui viene attribuito Premio Pasinetti.

La conferma di una grande regista.

Torna nelle sale, in versione restaurata, il capolavoro di Nanni Moretti, premiato a Cannes nel 1994 per la miglior regia.
Un’opera personale e allo stesso tempo collettiva diventata un punto di riferimento per tutti gli “splendidi quarantenni.

Nanni : Sa cosa stavo pensando? Io stavo pensando una cosa molto triste, cioè che io, anche in una società più decente di questa, mi ritroverò sempre con una minoranza di persone. Ma non nel senso di quei film dove c’è un uomo e una donna che si odiano, si sbranano su un’isola deserta perché il regista non crede nelle persone. Io credo nelle persone. Però non credo nella maggioranza delle persone. Mi sa che mi troverò sempre d’accordo e a mio agio con una minoranza…

Da non perdere!