Giornate del cinema quebecchese in Italia (ingresso gratuito con tessera)

Giornate del cinema quebecchese in Italia (ingresso gratuito con tessera)

  • v.o. sub. ita
  •  

Giovedì 29 e venerdi 30 Ottobre Il Cinemino ospita le Giornate del cinema quebecchese in Italia, un’occasione unica per approcciarsi a una cinematografia poco conosciuta nel nostro Paese
La rassegna, curata dal regista canadese Joe Balass, ha scelto come tema di questa edizione le “nuove mitologie”.

Nouvelles Mythologies. Individuo o collettività: trasformare il personale, mantenendo il progresso al plurale. Il cinema è la rappresentazione più vivida di come interpretiamo la realtà o la nostra visione del mondo. Per il 17° anno, le Journées du cinéma québécois en Italie portano in Italia le voci e gli sguardi delle contraddizioni quotidiane, attraverso la rappresentazione delle molteplici realtà.

PROGRAMMA DI GIOVEDI 29 OTTOBRE
ORE 16:00

NUIT DES KRAMPUS di Pierre-Yves Beaulieu
17m / Couleur / 2018
In una notte d’inverno sulle Alpi, San Nicola rende visita ai bambini accompagnato da spaventose creature: i Krampus. Da centinaia di anni questi esseri si occupano di mettere in riga i bambini.

LES SEPT DERNIÈRES PAROLES
di Juan Andrés Arango, Sophie Deraspe, Sophie Goyette, Karl Lemieux, Ariane Lorrain, Caroline Monnet et Kaveh Nabatian.
73 m / Couleur / 2018
Collaborazione tra sette differenti cineasti canadesi e i musicisti inglesi del Callino String Quartet, questo cineconcerto ripropone in chiave inedita Le sette ultime parole del nostro Redentore in croce, una composizione di Joseph Haydn scritta in origine nel 1787 per orchestra. Ogni regista ha fornito una personale reinterpretazione dei sette temi presenti nell’opera (il perdono, la salvezza, la relazione, l’abbandono, lo sconforto, il trionfo e il ricongiungimento), ricorrendo a generi e stili differenti.

ORE 17:45

KATATJATUUK KANGIRSUMI (CHANTS DE GORGE À KANGIRSUK) di Eva Kaukai, Manon Chamberland
3.5 M / Couleur / 2018
Questo cortometraggio ci porta alla scoperta del canto armonico del popolo Inuit di Kangirsuk, nella regione nordica del Nunavik.

MAD DOG LABINE di Jonathan Beaulieu-Cyr e Renaud Lessard
85 m / Couleur / 2018
In una remota regione del Québec, durante la stagione della caccia all’alce, Lindsay e Justine osservano i ragazzi del posto pavoneggiarsi spavaldi. Rimaste sole, si avventurano spensierate per il villaggio, rubano delle lattine di birra e comprano un gratta e vinci che potrebbe fruttare 10.000 dollari.

ORE 19:30

UNE FORTERESSE di Miryam Charles
6 M / Couleur / 2018
Dopo la morte della figlia adottiva, una coppia si reca ad Haiti per cercare la sua famiglia. Sul posto, incontreranno uno specialista del DNA che si dice possieda il potere di riportare in vita i morti.

ANTIGONE di Sophie Deraspe (IN ANTEPRIMA)
109 m / Couleur / 2019
Rivisitazione in chiave moderna della tragedia di Sofocle, Antigone di Sophie Deraspe è un film di grande fattura, tanto da essere il candidato canadese agli Oscar 2020 e da essere premiato al TIFF 2019 come Miglior film canadese.
In seguito all’assassinio dei suoi genitori in Medio Oriente, la giovane Antigone si rifugia a Montreal insieme ai fratelli e alla nonna. Studentessa modello, Antigone è il collante che tiene unita la famiglia. La tragedia deflagra quando suo fratello Eteocle viene ucciso dalla polizia. Motivata dal senso del dovere verso la famiglia e dal ricordo dei genitori, Antigone decide di mettere a repentaglio il suo futuro per proteggere quello della sua famiglia: alla legge dell’uomo, sostituisce il proprio senso della giustizia, fondato sull’amore e sulla solidarietà.
Il film è distribuito da Parthénos, Lucky Red.

  • Regia:A.A.V.V
  • Ingresso libero fino a esaurimento posti con tessera obbligatoria. Per chi non l’avesse la tessera sarà eccezionalmente a Euro 3 (solo per i partecipanti alle Giornate Quebecchesi) da richiedere entro il giorno mercoledì 28 ottobre.